Mancano documentazioni paleoetnologiche che permettano di risalire alle origini dell'istituzione del matrimonio. Tuttavia, poiché tutte le popolazioni oggi note, comprese le più primitive, usano il matrimonio come legame socialmente riconosciuto tra individui, si può dire che esso è un’istituzione universale comune a tutti i popoli e a qualsiasi livello di civiltà. 

CONTRATTO D'ACQUISTO. Nel codice di Hammurabi, che regnò in Mesopotamia dal 1792 al 1750 a. C., è scritto che il matrimonio è valido se c’è un contratto scritto, con il quale l’uomo compra la moglie. Con diverse varianti, questa caratteristica è presente in tutte le società primitive: il matrimonio comporta il passaggio di una persona da un gruppo sociale all’altro e la prole apparterrà socialmente a uno solo dei due coniugi. Per questo sono necessari accordi e compensazioni tra le famiglie degli sposi. Di norma c’è un pagamento in bestiame, attrezzi, denaro alla famiglia di lei, oppure servizi (il genero coltiva il campo del suocero). Presso alcune popolazioni africane esiste il conguaglio sociale: due fratelli si scambiano reciprocamente le sorelle.

FONTE: https://www.focus.it/cultura/storia/quando-e-nato-il-matrimonio

Queste foto vogliono raccontare la cura dei particolari di un banchetto privato: il matrimonio organizzato nella splendita e suggestiva location dell'Arcadia Restarant Park. 

Visita il canale youtube ARCADIA RESORT RESTAURANT PARK https://www.youtube.com/channel/UCs4cf2uc_DxEX3J6MZQMu-w
Antonio Faracca